Branding & Advertising? Invertising!

Avvincente, critico, equilibrato. Scopro un libro che lascerà il segno per chi fa comunicazione d’impresa e per chi la vorrebbe fare.

Leggere Invertising mi ha fatto rivivere vecchi momenti creativi e conoscerne nuovi: idee di marca coinvolgenti che provano, tutte, a migliorare il mondo in cui viviamo.

Paolo Iabichino riesce a dare un senso personale ed empatico all’advertising, in un percorso preciso e ricco di valore. Senza risparmiarsi, il Direttore Creativo di Ogilvy ci racconta cosa è stata, cos’è e come sarà la pubblicità in una visione lucida ed “insight-centrica”.

Il brand ha bisogno della conversazione con le persone tanto quanto l’advertising ha bisogno di invertire il proprio senso di marcia.

…e visto che i dettagli parlano meglio di mille parole, notate la dedica di Paolo in prima romana, ovviamente, invertita!!! 😛

Jacopo Pasquini

Consulente e docente di marketing e comunicazione digitale, specializzato in Web Marketing e UX Design. Ho iniziato a navigare su Internet nel 1997 con un modem 56k, oggi lavoro come freelance per aziende, agenzie, università.

Newsletter

Email

7 Comments
  • wonderpaolastra

    3 marzo 2010 at 23:41 Rispondi

    Lo sto leggendo anche io! E ne sono entusiasta, anche per lo spazio che lascia all’ottimismo e alla speranza di un’ umanità migliore

    • Doctor Brand

      5 marzo 2010 at 8:09 Rispondi

      Si alla base c’è una visione positiva sia per l’advertising, sia per il mondo in cui viviamo…

  • Iabicus

    4 marzo 2010 at 10:05 Rispondi

    Grazie Jacopo. Se è vero che nessun brand sarebbe possibile senza l’advertising, allora è più che mai urgente l’inversione di marcia come scrivi tu…

    Complimenti davvero per il tuo blog! Al prossimo Invertising finisci sicuro nella blogroll… 😉

  • Mat

    5 marzo 2010 at 9:18 Rispondi

    Ottimo Post per un ottimo libro.
    Anch’io ho avuto la possibilità di leggerlo e condivido il parere dell’amico Doc!
    Doc, che si legge ora?

  • simon

    17 marzo 2010 at 8:42 Rispondi

    Già solo il nome del libro è molto attrattivo!