La conversazione è morta, lunga vita alla conversazione

Se è vero che da dodici anni i mercati sono conversazioni, è vero anche che dopo dodici anni non tutte le aziende l’hanno ancora capito.

E da quando si è scatenata la recente “social mania” e il “presenzialismo web” a qualsiasi costo, la situazione è definitivamente degenerata.

Sulla spinta di numeri di utilizzo mondiali incredibili, la “corsa all’oro-social” per chi fa branding è solo agli inizi: gli investimenti forti devono ancora arrivare.

Nel frattempo milioni di persone, già connesse fra loro, sono subissate online dal proliferarsi di sempre nuove presenze aziendali, da mirabolanti overlay promozionali e da tanto rumore di fondo.

Bisogna far capire alle imprese, soprattutto a quelle medio-piccole, che nell’era human-media:

  • essere sui social non è obbligatorio
  • meglio stare fuori dai social, piuttosto che gestirli male
  • gli ambienti di comunicazione web si stanno moltiplicando
  • parlare così tanti nuovi linguaggi non è banale
  • si possono comprare o affittare banner ma non l’engagement delle persone
  • la strategia social va costruita intorno a specifici punti di differenziazione
  • i prodotti e servizi di qualità sono un requisito
  • i contenuti rilevanti sono un altro requisito
  • il copia/incolla del comunicato stampa su facebook rivela scarse competenze
  • fare conversazione non significa mettere un logo in una pagina facebook
  • la conversazione è per definizione bidirezionale
  • le tecniche mass-mediatiche non funzionano, figuriamoci se applicate sui social ormai mainstream

Vedere l’advertising non-convenzionale annoiare ogni giorno di più, deve far riflettere.  Sappiatelo, lo stesso social media marketing, senza una strategia alle spalle che migliora la vita delle persone, non ha futuro e sta già progressivamente perdendo di efficacia.

Facciamo “invertising nella conversazione” o morirà prematura. Causa del decesso: overdose da push-marketing.

E’ servito più di mezzo secolo per liberarci dal broadcast tradizionale: teniamo pulito il web!


P.S.: Un enorme grazie a Nino Gualdoni, autore del titolo di questo post e fonte continua di stimoli e suggerimenti.

Jacopo Pasquini

Consulente e docente di marketing e comunicazione digitale, specializzato in Web Marketing e UX Design. Ho iniziato a navigare su Internet nel 1997 con un modem 56k, oggi lavoro come freelance per aziende, agenzie, università.

Newsletter

Email

1 Commenta
  • Salvatore Menale

    25 gennaio 2011 at 14:38 Rispondi

    Sicuramente Lunga vita alla conversazione !
    Concordo con te sull’opportunità di conversare tramite i canali Social purchè lo si faccia nel modo giusto.
    Ed allo stesso tempo meglio non esserci: che senso ha avere ad esempio un canale twitter e lasciarlo senza commenti, tweets ed interazioni? L’unico senso che mi viene in mente è quello di offire la consapevolezza ai tuoi followers che non hai ancora capito come comunicare con loro…
    Ciao,
    Salvatore

Risposta al commento di Salvatore Menale Cancella Risposta

Hello. Add your message here. Pasquini Associati
Corso UX Design Firenze Early Booking 199€