Buzz marketing? Apple no, Microsoft si!

Curioso. Ne parlavo a lavoro in questi giorni con Augusto. Come mai Apple ha scelto (per adesso) di non presidiare con account “ufficiali” i social media? Eppure la filosofia stessa dell’azienda improntata all’innovazione ed i suoi prodotti nuovi, come il futuro Mac tablet pc, spingono sempre più verso la  condivisione real time tipica del web 2.0.

Prodotto e la qualità sono il miglior modo per creare passaparola positivo e pubbliche relazioni gratuite: i “customer evangelist” ci vanno a nozze con i piccoli gioielli Mac. La cosa buffa è che sui blog, sui forum, sui social e sul web Apple è ogni giorno al centro della discussione di milioni di persone nel mondo. Basta lanciare qualche keyword in qualsiasi motore di web reputation per perdersi nel flusso ininterrotto di informazioni e commenti. In casa Microsoft invece si tenta l’esperimento partecipativo con la community dedicata a Windows 7: può piacere o no, ma almeno è un tentativo.

Starà per partire qualche progetto di buzz marketing anche a Cupertino? Sarà implementata una strategia dedicata per gestire l’eventuale mole di comunicazione? Provo a scommettere. E’ solo questione di tempo per vedere le classiche iconcine colorate dei social, anche sul sito istituzionale Apple; magari con un pizzico di genialità, in perfetto stile Mac.

Del fatto che “Apple non è social” se ne parlava in questi giorni anche su Aghenor e su SocialMediaMarketing.

Jacopo Pasquini

Consulente e docente di marketing e comunicazione digitale, specializzato in Web Marketing e UX Design. Ho iniziato a navigare su Internet nel 1997 con un modem 56k, oggi lavoro come freelance per aziende, agenzie, università.

Newsletter

Email

Non ci sono commenti

Sorry, the comment form is closed at this time.